CAMPELLOSULCLITUNNOJOURNAL- 1° MAGGIO AL TEMPIETTO, FESTA E POLITICI SUL PIANALE


NON C’E’ CHE DIRE, I TEMPI CAMBIANO! SU UN “PIANALE AGRICOLO” IL PALCO DEGLI ELETTI E PROSSIMI ALLA 16^ LEGISLATURA

di Mariolina SAVINO

Mancava solo il senatore Roberto Speciale, nella festa del primo maggio a Campello sul Clitunno, organizzata da Benedetti Valentini, costretto all’assenza per altri impegni.

All’appello non è mancato neppure Stefano Menicacci primo ideatore della festa  di Alleanza Nazionale già dal 1958.

Commozione, abbracci e tanti sorrisi, il centro destra fa il punto sulla grande risposta popolare di queste elezioni dove in Umbria, forse per effetto legge elettorale porcellum, si sono piazzati ben 8 parlamentari compreso Amato Berardi eletto nel Nord America.

Carabinieri e Vigili Urbani hanno garantito la viabilità e la tranquillità di un pomeriggio di festa.

C’è chi continua ad evocare la parola Fascismo che ha significato, solo se collocato nell’infausto periodo storico.

Strumentale l’uso del termine che non ha giovato ad una sinistra che oggi, è scomparsa totalmente dallo scenario del parlamento, creando gravi danni a se stessa e se vogliamo essere onesti fino in fondo, alla politica  italiana nel suo complesso, ma l’epurazione è stata frutto della scelta veltroniana e non solo, quindi tutto è avvenuto in casa senza l’aiutino di altre forze politiche.

Questo non vuol dire gongolare dalla parte avversaria, ma pensare al futuro ognuno autocriticando errori, senza per altro, mancare di rispetto a chi ha vinto non per le televisioni, o per i giornali o perchè gli italiani vengono a volte considerati erroneamente meno intelligenti e attenti alle questioni politiche.

Lo scontento della popolazione è sfociato in un voto netto e chiaro, senza possibilità di dubbio, ora è la compagine del centrodestra e lega che deve dimostrare di essere all’altezza di dare risposte e non chiacchiere.

L’Italia ha chiesto con il voto, poche cose essenziali: sicurezza, detassazione, meno sprechi (e qui sarà proprio dura), più rispetto da chi li rappresenta, lavoro, case e meritocrazia.

Le accuse ideologiche, i paroloni, i continui attacchi personali, l’antiberlusconismo sono stati un boumerang pesante che si è abbattuto come una scure su una sinistra stanca e che non ha avuto il coraggio di rinnovarsi.

Questo non vuol dire che tutto quello che di buono c’è stato da parte della sinistra, va cancellato o criticato a prescindere!

Gli italiani contano sull’intelligenza di chi li rappresenta e vogliono essere riconosciuti per la propria dignità che non può essere vilipesa.

Gli stessi stranieri vanno rispettati con leggi che possano cautelare anche loro stessi da chi, non viene in Italia con buone intenzioni.

Diceva una vecchia canzone “Bisogna saper perdere” e trarne vantaggio da una sconfitta senza ripetere ancora vecchi errori.

Chi vince, deve dimostrare altresì, la capacità di saper governare.

Nel 2008, a ormai sessantanni da quella prima repubblica, non ci sono più giustificazioni alle poltrone, se non quella di fare bene per il proprio paese!

Una curiosità.

Il panino alla porchetta non è stato offerto, e se questo fatto non è piaciuto a qualcuno, bisogna dire che in fondo anche questo è un segno di novità, non è certo un “paninazzo a gratis” che “ricompensa” il voto spontaneo degli italiani!

Le foto del servizio sono state scattate da Mariolina Savino

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...