CCIAA- Il Comitato Borsa Merci di Perugia ha ripreso la sua regolare attività

Borsa Merci di Perugia

Ieri martedì, giorno di mercato, il Comitato, a ranghi completi, ha proceduto alle quotazioni di tutti i prodotti agricoli e del bestiame e alla stesura del Listini Prezzi settimanale, approvato all’unanimità.
Alla riunione ha assistito il Presidente della Camera di Commercio di Perugia Alviero Moretti che, con la sua presenza, ha voluto rinnovare la piena fiducia nell’operato del Comitato Borsa Merci.

Dopo l’interruzione di martedì scorso, il Comitato Borsa Merci di Perugia, ha ieri ripreso la sua regolare attività, procedendo alle quotazioni dei prodotti agricoli e del bestiame e alla formazione del Listino Prezzi Settimanale. E’ rientrata dunque la protesta delle rappresentanze del comparto agricolo che la settimana scorsa portò al blocco dell’attività del Comitato stesso e alla mancata stesura del Listino.
Alla seduta di ieri ha presenziato il presidente della Camera di Commercio di Perugia Alviero Moretti che nel rinnovare la fiducia nell’operato della Commissione ha espresso soddisfazione per il ritorno alla normale funzionalità di un organo che da sempre assicura una funziona essenziale per la vita del sistema economico provinciale. “Siamo consapevoli delle grandi difficoltà che le forti oscillazioni dei prezzi delle derrate agricole e il crollo delle quotazioni del grano degli ultimi mesi stanno causando alle imprese del settore – ha detto Moretti -, ma è indubbio che una efficace azione a tutela e a sostegno del mondo agricolo possa essere svolta efficacemente dall’interno del Comitato, sulla cui attività riponiamo piena fiducia. A questo aggiungo il mio personale ringraziamento a tutte le componenti e agli operatori per il senso di responsabilità dimostrato in un momento non facile per nessuno”.
In apertura di seduta il Comitato ha tenuto a precisare ancora una volta che il suo ruolo funzionale è accertare attraverso un meccanismo di contraddittorio tra i rappresentanti del mondo agricolo e quelli del sistema commerciale e industriale i prezzi ai quali sono scambiati settimanalmente sulla piazza di Perugia le principali merci di produzione locale. Nello svolgimento di tale funzione il Comitato, se da un lato deve tener conto delle specificità e delle problematiche del mercato locale, dall’altro non può intervenirvi direttamente in quanto suo compito è appunto rilevare i prezzi attraverso i quali si sono perfezionate le contrattazioni tra le parti nell’arco della settimana di riferimento.
Il Comitato Borsa Merci di Perugia – raccogliendo anche in questo il sostengo del Presidente Moretti – ha sottolineato la necessità che, proprio nell’attuale sfavorevole congiuntura, occorre riporre la massima fiducia in una Commissione Prezzi che nel corso degli anni, nella quasi totalità dei casi, ha fissato all’unanimità il prezzo dei prodotti agricoli, poi pubblicato nel Listino di Borsa. Unanimità che si è registrata anche nella riunione di ieri, da cui sono uscite le quotazioni, oltre a tutte le altre voci merceologiche, delle uve, un provvedimento urgente visto lo stato di avanzamento della campagna vendemmiale.
L’auspicio, conclude il Comitato della Borsa di Perugia, è che, essendo lo stesso un luogo di confronto immediato dei prezzi effettivi accertati dal mercato sia dai rappresentanti degli agricoltori e allevatori, sia da quelli del settore commercio, venga vista correttamente come uno degli strumenti più idonei a svolgere un’azione di tutela e sostegno anche del mondo agricolo.

Perugia 01 ottobre 2008

OGGI NELLA SUA CASA TROVATA SENZA VITA L’EX MOGLIE DEL PORTIERE TACCONI

Molti i giornali on line nazionali hanno riportato la notizia

Morta la ex moglie di Tacconi

Paola Vincenzoni, 48 anni, è stata trovata senza vita in casa.

Disposta autopsia, sul corpo nessuna violenza

Spoleto– Paola Vincenzoni, ex moglie di Stefano Tacconi, già portiere della Juventus e della nazionale, è stata trovata morta nella sua casa a Spoleto, in Umbria. Aveva 48 anni. Sono stati i familiari a dare l’allarme. I magistrati hanno disposto l’autopsia ma sul cadavere non ci sono segni visibili di violenza e gli esami sono soltanto una prassi in casi di questo tipo, come spiegato dagli inquirenti. I carabinieri comunque hanno avviato un’indagine. Tacconi, nato a Perugia, aveva cominciato la sua carriera giocando all’inizio degli anni Settanta nella squadra giovanile dello Spoleto e lì aveva conosciuto quella che poi sarebbe diventata sua moglie. CONTUSIONI ALLA TESTA – Stefano Tacconi e la moglie Paola Vincenzoni si erano separati da molti anni e non avevano figli. La donna è stata trovata morta nella sua abitazione di via degli Abeti. Secondo indiscrezioni sarebbero state riscontrate contusioni alla testa che però gli investigatori ritengono possano essere state provocate da una caduta accidentale in casa o per un malore. Sarà quindi l’autopsia, come detto, a chiarire le cause della morte. (corr.sera)

01 ottobre 2008

FINALMENTE ABOLITA LA COSAP– Pdl: “Era una tassa iniqua e vessatoria”

Umbria, 01/10/2008

Il Centrodestra soddisfatto della decisione del Consiglio provinciale: “E’ da sempre stata una nostra battaglia”

“Oggi si chiude una battaglia che è durata tre legislature e che ci ha visti continuamente incalzare la maggioranza, a difesa dei diritti dei cittadini e contro una tassa che abbiamo fin dall’inizio considerato iniqua”. Con queste parole i rappresentanti del Centrodestra in Consiglio provinciale accompagnano oggi la decisione varata ieri pomeriggio dalla stessa assemblea consiliare di dare mandato alla Giunta provinciale di eliminare la Cosap (Canone per l’occupazione permanente di spazi e aree pubbliche) a decorrere dal 1° gennaio 2009.
Per i consiglieri di Forza Italia, Alleanza Nazionale e Udc l’esito dei lavori consiliari di ieri è il frutto di una lunga opera di incalzamento della maggioranza, più volte invitata a rivedere questo tributo, a loro giudizio applicato in maniera vessatoria e disomogenea e che registrava un alto tasso di evasione. Ad essere contestato dalle forze di opposizione era in maniera particolare il principio, in quanto, come sottolineato da Bruno Biagiotti (An) e Ivo Fagiolari (Fi) “non si capiva il motivo per cui un cittadino dovesse pagare per uscire di casa”. “La nostra Amministrazione provinciale – sono state le parole di Ivo Fagiolari che questa mattina con i colleghi del Pdl ha tenuto una conferenza stampa sulla vicenda – non è mai riuscita né a regolamentare, né a disciplinare adeguatamente il pagamento di questa tassa che interessa nel complesso tra i 15 e i 16.000 utenti, metà dei quali tuttavia inadempienti”. Fagiolari ha assicurato che da qui a gennaio il Centrodestra provinciale si adopererà per l’attuazione di quanto indicato ieri dal Consiglio provinciale a partire dalla cancellazione del regolamento stesso della Cosap. “Anno per anno – ha riferito Biagiotti – abbiamo incalzato questa maggioranza invitandola a non applicare una tassa iniqua. Per ammissione dello stesso assessore Frullani – ha poi aggiunto il capogruppo di An – in sede di discussione del Bilancio ’07 era emerso che oltre il 50% degli utenti non pagava, mentre sugli altri gravavano anche gli oneri degli adeguamenti tariffari”. Inoltre, secondo quanto riferito sempre da Biagiotti, gli incassi erano praticamente pari alle spese, dovute al personale e ai mezzi messi a disposizione dall’Ente per i censimenti. “Quello della Cosap – ha commentato Luigi Andreani (Udc), firmatario di uno dei due documenti approdati ieri in Consiglio – era un balzello che divideva i cittadini di seria A da quelli di serie B. E’ per noi una grande soddisfazione – ha aggiunto – perché usciamo vincenti da una battaglia per la difesa dei cittadini”. Per Andreani quella di ieri in Consiglio è stata una bella operazioni politica, riuscita grazie anche alla mediazione del capogruppo di An e alla sospensione dei lavori opportunamente richiesta dalla presidenza. Tra i territori maggiormente interessati alla Cosap vi è Spoleto in quanto, come fatto notare da Giampiero Panfili (An), ha molte frazioni attraversate da strade provinciali. “In quest’area – ha ricordato Panfili – abbiamo messo a punto un grande lavoro di informazione, invitando i cittadini interessati a rivolgersi direttamente agli uffici provinciali in quanto buona parte di essi avevano già subito delle espropriazioni per l’ampliamento delle sedi stradali”. Per il consigliere di An inoltre, “a sette mesi dalle elezioni, la decisione della maggioranza sa di strumentalizzazione politica”. Per Stefano Zuccarini (Fi) è una battaglia dalla valenza politica: “in questo modo – ha detto – il Pdl mostra come intende il governo dei territori e del Paese”. Edoardo Alunni (Fi) si è augurato che tutto ciò non cada nel dimenticatoio, mentre Giovanni Ruggiano (An) ha fatto notare come “recentemente gli amministratori provinciali tendano a sviare da problemi non ancora risolti, primo tra tutti quello degli appalti”.


FOLIGNO- E ci mancavano pure i truffatori porta a porta!

Primi d’Italia

attenzione agli imbrogli

In questi giorni, nella città di Foligno, c’è qualcuno che, privo di qualunque autorizzazione, sta tentando di vendere pubblicazioni che vengono impropriamente legate alla manifestazione I Primi d’Italia, che si è appena conclusa.
Epta – Confcommercio, la società organizzatrice del Festival nazionale dei primi piatti, diffida l’interessato o gli interessati dal continuare nell’illecita attività. Epta – Confcommercio ha realmente realizzato una pubblicazione con ricette, informazioni e curiosità per l’edizione 2008 de I Primi d’Italia, ma non è certamente quella che si sta proponendo in questi giorni nella città di Foligno.
“Il nostro consiglio – afferma Roberto Prosperi, presidente di Epta – Confcommercio – è quello di verificare bene le proposte commerciali che vengono offerte, perché la nostra organizzazione non ha dato mandato a nessuno di battere la città tentando di vendere fantomatiche pubblicazioni de I Primi e tentando di sfruttare l’onda del successo della nostra manifestazione”.

CRONACAJOURNAL- A Foligno trovata morta giovane donna straniera

Non si placa l’orrore degli omicidi nella regione Umbria anche se ancora non vi è l’assoluta certezza di come siano avvenuti i fatti

Una giovane donna, sembra di origini romene, e’ stata trovata morta questo pomeriggio in un appartamento di via Mameli a Foligno. Indagini sono in corso da parte della polizia che sembra abbia fermato uno straniero per accertamenti. Secondo le prime frammentarie informazioni sembra che la donna sia stata accoltellata.(adnkronos)

UMBRIAJAZZ FRA LE 100 ESPERIENZE ISTITUZIONALI AL TOP

L’Eurispes ha appena ultimato il 3°Rapporto sull’Eccellenza in Italia all’interno del quale vengono segnalate cento esperienze istituzionali e imprenditoriali di successo, spesso poco conosciute dal grande pubblico. Umbria Jazz  è stato inserita nel Rapporto, confermandosi tra gli eventi con la più ampia risonanza nazionale.

I cento casi sono stati selezionati osservando, di ciascuno, la storia, la dimensione d’impresa, la capacità di innovazione, la qualità dei processi organizzativi, l’efficienza e la qualità dei servizi offerti al cittadino.
L’importante obiettivo che l’Istituto si propone, attraverso questa azione annuale di monitoraggio, è quello di costruire una mappa sempre più aggiornata e approfondita di quelle esperienze di eccellenza che possono contribuire a rendere sempre più competitivo il nostro Paese.
Il Rapporto sarà presentato giovedì 2 ottobre p.v. presso la Sala Conferenze della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma (Viale Castro Pretorio, 105) alle ore 10.00.
Alla presentazione seguirà una tavola rotonda sul tema “L’Italia che funziona” con la presenza di autorevoli personalità di governo, di rappresentanti della stampa internazionale (è prevista la partecipazione di Cbs, Le Monde, The Indipendent, Antena 3, Frankfurter Allgemeine Zeitung ed altri). E’ inoltre in preparazione una edizione in lingua inglese da destinare alle  ambasciate e agli uffici ICE nel mondo.

DALLA RETE, TRAVAGLIO: UN PURO CHE TROVERA’ UN ALTRO PURO CHE LO EPURA

di OSVALDO NAPOLI

Quando Marco Travaglio oggi afferma che se viene querelato dalla RAI non sarà più presente ad “annozero”, ecco rivelata la vera strategia di personaggi come Travaglio e Santoro, che non avendo nulla da dire hanno un solo obiettivo: essere considerati ”martiri”della libertà di informazione che, invece, con il loro atteggiamento ed in questo caso Marco Travaglio, calpestano in nome del diritto all’arbitrio. La loro è una posizione comunque precostituita, un teorema bislacco del tipo “noi insultiamo, ma se ci mandate via si conferma che censurate la libertà”.
Siamo di fronte a un’informazione fondata sull’insulto e sul ricatto. La forza mediatica di Travaglio è un falso moralismo in cui si dice che lui è il puro e l’onesto, gli altri sono gli impuri e i disonesti. Ricordo a Marco Travaglio e a Michele Santoro che, molto spesso, “un puro troverà uno più puro che lo epura”.(pol.cor.it)

PerugiaJournal- “Socialmente ‘08”

Domani a Perugia incontro sulla tratta degli esseri umani con il procuratore Pietro Grasso

Perugia, 01/10/2008

Interverrà anche il procuratore nazionale antimafia, Pietro Grasso, al seminario in programma a Perugia domani 2 ottobre, a partire dalle 9 e 30, nel Salone d’Onore di Palazzo Donini. L’iniziativa, organizzata dalla Regione Umbria e dal Comune di Perugia nell’ambito di “Socialmente ‘08”, vuole essere un’occasione di riflessione e approfondimento sul fenomeno della tratta degli esseri umani che interessa anche il territorio umbro.
“La tratta è una moderna forma di schiavitù che colpisce le persone che per motivi legati al bisogno ed alla povertà, cadono nella rete di trafficanti di esseri umani – ha commentato l’assessore regionale alle politiche sociali, Damiano Stufara – Non solo donne, ma sempre più spesso anche minorenni vittime di un mercato che alimenta le cosiddette ‘economie illegali’ fondate sullo sfruttamento di persone che, arrivate in Europa, vengono avviati alla prostituzione, allo spaccio di sostanze illegali e all’accattonaggio. Un fenomeno complesso quindi che tocca varie realtà e richiede diversi interventi. Se per la criminalità organizzata è valida la repressione, ciò non vale per le persone sfruttate per le quali è opportuna l’attivazione di politiche non basate sulla repressione ma sulla solidarietà e sulla sensibilizzazione della comunità”.
Interverranno, oltre all’assessore regionale alle politiche sociali, Damiano Stufara, l’assessore alle politiche sociali del Comune di Perugia, Tiziana Capaldini, il procuratore nazionale antimafia, Pietro Grasso, Sarah Di Giglio, di Save the Children Italia Onlus, Natale Losi, dell’Organizzazione internazionale delle migrazioni. Coordina i lavori, Antonella Duchini della Procura della Repubblica di Perugia – Direzione distrettuale antimafia.