FOLIGNO- Il nuovo Vescovo Sigismondi incontra i giornalisti

MONSIGNOR GUALTIERO SIGISMONDI

A TU PER TU

CON LA STAMPA

Foligno, 14/10/2008

Dal nostro inviato Gilberto Scalabrini

Cosa pensano i folignati del nuovo vscovo monsignor Gualtiero Sigismondi?
“Sembra un pischello”, dicono tutti, perché è giovane ed apparentemente sembra possedere il carisma necessario per emozionare.
Tutto vero. Questa mattina, il nuovo vescovo della diocesi di Foligno, a pochi giorni dal suo insediamento, si è presentato ai giornalisti per farsi conoscere, per rispondere alle loro curiosità e per “avere con la stampa un rapporto costante e sereno. Fino ad oggi ho visto le vostre firme, adesso vedo i vostri volti”.
Scherzando ha pure detto che non sente la nostalgia di Perugia, perché la gratitudine è immensa. “L’obiettivo che mi muove è quello della comunicazione, come strumento della trasmissione. Talvolta si può comunicare senza trasmettere nulla –lo dico a me stesso e a tutti i preti impegnati nell’annuncio del vangelo- pertanto vorrei che nell’attività pastorale questa idea si incidesse con grande chiarezza e semplicità, per trasmettere i grandi valori della fede. Il mio primo impegno arrivando a Foligno è quello di accogliere il dono che ho ricevuto. E’ impossibile ascoltare se prima non si accoglie. L’accoglienza è il portale dell’ascolto. Io non ascolto nessuno se prima non ho accolto. Dall’ascolto nasce il servizio”.
Per i nuovi poveri e i diseredati, ha detto che proprio questa sera incontrerà i responsabili della Caritas per avere un quadro della situazione dal loro osservatorio.
“Intendo muovermi con loro. Certamente noi non dobbiamo limitarci a prendere carico delle situazioni ma ad avere cura dell’emergenza, insieme alle istituzioni”.
“Sarei presuntuoso se volessi prendere chissà quale decisione. Mi inserisco in una chiesa che ha una storia, un cammino e una sua tradizione. In questo anno l’accoglienza e l’ascolto faranno da premessa al servizio che intendo svolgere. Ho confermato tutti gli uffici, dal vicario generale a quello della pastorale. Voglio avvicinare con semplicità tutte le realtà parrocchiali, frequentando nei giorni feriali tutte le parrocchie della diocesi. Non mi basta incontrare solo i preti. Un’altra porta della città sono i giovani e io intendo incontrarli. Non basta chiedere loro dove sono, bensì dove guardano. Dobbiamo educarli a tenere i valori alti”.
Ha parlato poi della grande energia del laicato, sostenendo che esso è lo strumento della “logica dell’incarnazione. So quanto è vivace, ma questa è un’impresa sulla quale dovrò misurarmi”.
In pratica, il nuovo vescovo vuole pensare e progettare la chiesa come una grande famiglia.
Sono state queste le riflessioni di fondo di monsignor Sigismondi. Infine, ha parlato della grande intraprendenza industriale ed ha esternato anche le sue preoccupazioni per il mondo del lavoro.
Accennando alla cronaca dei giornali, non ha nascosto la sua preoccupazione per gli ultimi fatti di sangue. Ha plaudito alla Quintana, come vivacità storica per la città. “Ho sentito il primo abbraccio della Quintana a Perugia, il giorno che sono stato nominato vescovo”. Infine,accennando alla crisi della Merloni ha detto “siamo vicini a questa realtà, perché l’indotto travolge pure Foligno”.
Ha fatto pure sapere che userà la bicicletta per spostarsi. Un segnale che va nella direzione di come questo nuovo vescovo vorrà essere vicino alla gente. A tutta la gente, senza distinzione di razza, religione o ceto sociale. Soprattutto attento ai suoi problemi.
“Sono venuto qui a vendemmiare” ha detto il giorno del suo ingresso a Foligno e questo dice tutto sulle sue funzioni di vigilanza e di coordinamento pastorale.
Auguri Eccellenza e buon lavoro anche dalla nostra redazione.


MondoJournal- Premi Nobel 2008, le biografie in rete!

Premi Nobel 2008


Su Wikipedia puoi leggere le biografie e gli studi dei vincitori dei Premi Nobel per il 2008.

CASCIAJOURNAL- PRESENTAZIONE DEL PORTALE WEB DELL’ASSOCIAZIONE TURISTICA VALNERINA

Verrà presentato il prossimo 17 ottobre l’ultimo prodotto portato a compimento nel corso del 2008 dall’ATV, l’associazione che riunisce le strutture ricettive con capacità inferiore ai 50 posti letto per svilupparne e potenziare le capacità economiche, produttive ed occupazionali. Ideata, promossa e finanziata dal Consorzio BIM Nera Velino e assistita dal personale del Servizio Turistico della Valnerina, l’ATV, in questo primo anno di vita, è riuscita ad aggregare oltre 60 piccoli operatori della ricettività rurale, per i quali ha svolto attività di promozione e commercializzazione attraverso la presentazione non solo dell’offerta dei singoli aderenti, ma anche di quella pluralità di componenti che caratterizzano l’offerta turistica dell’intera Valnerina. A tal scopo l’ATV ha iniziato il suo lavoro con la realizzazione di una carta territoriale, prodotta in 40.000 copie, ed del catalogo dell’offerta delle strutture ricettive socie, in oltre 10.000 copie, distribuiti nel corso di fiere, borse del turismo ed appuntamenti di fondamentale importanza per la promozione e la commercializzazione del territorio, come il Road Show che si è svolto ad aprile presso uno dei più grossi centri commerciali del Veneto, iniziativa che ha superato le 50.000 presenze e che verrà ripetuta nel 2009 in altre aree del territorio nazionale. Con l’uscita sul web, quindi, gli orizzonti dell’Associazione si amplieranno ulteriormente. Tema guida del portale il binomio turismo-territorio, inteso come promozione del territorio e dei servizi erogati dalle aziende che su questo operano. Da un lato, infatti, il portale, visitabile all’indirizzo http://www.umbriavalnerina.it, ha come finalità fornire al navigatore internet ed al potenziale turista informazioni sul patrimonio storico, artistico e paesaggistico della Valnerina, oltre alle bellezze naturalistiche con i relativi percorsi ed itinerari consigliati, capitalizzando e valorizzando l’archivio di immagini sul patrimonio paesaggistico, storico ed artistico raccolto negli ultimi 5 anni dal Servizio Turistico della Valnerina. Dall’altro, però, il portale mira a dare massima visibilità alle differenti componenti dell’offerta turistica della Valnerina, creando sezioni tematiche, dedicate alle strutture ricettive ed ai ristoranti del territorio, valorizzando anche tutto il paniere gastronomico della Valnerina. Non manca ovviamente il calendario dei principali eventi, aggiornati quotidianamente. Grande spazio è stato dato anche agli sport all’aria aperta ed alle associazioni che li rendono accessibili ai turisti. Il portale si presenta anche come un utile strumento di commercializzazione dell’offerta turistica delle aziende aderenti all’ATV, grazie al sistema di prenotazione online, strumento orami indispensabile per raggiungere alcuni segmenti di mercato, ma di cui una singola azienda, peraltro di piccole dimensioni, non potrebbe dotarsi a causa degli alti costi. Nel corso di questo primo anno di attività, l’Associazione è riuscita a conquistare la fiducia e l’appoggio delle istituzioni locali e regionali, quali l’APT Regionale, la Comunità Montana della Valnerina, l’Associazione dei Comuni della Valnerina e la Provincia di Perugia, e dei grandi sponsor, come la Camera di Commercio di Perugia, la Fondazione Cassa di Risparmio di Spoleto, la Banca Popolare di Spoleto, che hanno offerto la loro collaborazione ed il loro sostegno finanziario alla neonata associazione. Nei prossimi mesi, poi, l’ATV sarà impegnata nella realizzazione della nuova brochure e della carta turistica dedicata alle passeggiate ed escursioni in Valnerina, una raccolta di oltre 50 percorsi da fare a piedi, in mountain bike o a cavallo, nello splendido paesaggio della Valnerina. Nell’attesa, però, spazio al web e alla conferenza di presentazione del portale che si terrà venerdì prossimo alle ore 16 presso la sede del BIM Nera Velino a Cascia.

Servizio Turistico Valnerina

14 ottobre 2008

GIORNALISMOnewsJOURNAL- GIANCARLO SIANI, UNA STORIA DA RACCONTARE

Una storia ancora da raccontare: Giancarlo Siani

Visita il sito: Scarica il bando in formato pdf

Il concorso, organizzato in collaborazione con l’Associazione Ilaria Alpi, è rivolto ai giornalisti e praticanti con meno di 30 anni di età e agli allievi delle scuole di giornalismo. Ogni anno “Una storia ancora da raccontare” invita i partecipanti a ripercorrere la storia di un giornalista che ha perso la vita nello svolgimento la sua professione. La prima edizione è stata dedicata alla memoria di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin uccisi il 20 marzo 1994 a Mogadiscio e la seconda a Enzo Baldoni, rapito e ucciso a Najaf in Iraq nel 2004 dall’Esercito Islamico, un’organizzazione fondamentalista musulmana legata ad Al-Qaeda.
La terza edizione del concorso è dedicata alla memoria di Giancarlo Siani.
Giancarlo Siani, giornalista del quotidiano il Mattino, venne ucciso in un agguato, nel quartiere napoletano del Vomero, la sera del 23 settembre 1985. Aveva solo 26 anni. Nei suoi articoli denunciava la criminalità organizzata e l’espansione economica dei boss locali.
Prima di essere ucciso Siani stava lavorando all’intreccio politica camorra, proprio nel momento in cui piovevano in Campania i miliardi per la ricostruzione delle zone colpite dal terremoto del 1980.

ItaliaJournal- Sei un giornalista italiano o straniero? Questo è il Festival dei Giornalisti che da spazio alle tue idee

Partecipa con le tue idee

all’edizione 2009

All’edizione 2008 hanno partecipato oltre 150 giornalisti da tutto il mondo e moltissimi giovani provenienti da tutta Italia e da diversi paesi stranieri hanno invaso il Festival con il loro entusiasmo e la loro partecipazione. La prossima edizione del Festival Internazionale del Giornalismo si terrà a Perugia dal 1 al 5 aprile 2009. Tutte le iniziative, come sempre, saranno ad ingresso libero. Incontri, dibattiti, serate teatrali, concerti, mostre animeranno la città per cinque giorni.
Aspettiamo anche le vostre proposte, segnalateci temi e argomenti sull’informazione e sul giornalismo che ritenete interessanti o in particolare gli ospiti da invitare. Saremo felici di dare spazio alle vostre idee!

Scrivi a: idee@festivaldelgiornalismo.com

ItaliaJournal- Prevenzione incidenti sul lavoro, novità per il 2009

Nel 2009 in progetto l’assistenza di Nuclei regionali

per le piccole e medie imprese

I gruppi dovranno essere costituiti da tecnici ed esperti dei vigili del fuoco divenendo Nuclei regionali di assistenza. Ogni regione avrà un Nucleo operativo per piccole e medie imprese sulla prevenzione degli incidenti sul lavoro. Lo ha reso noto il capo del dipartimento Soccorso pubblico Pecoraro. Ogni squadra avra’ il compito di sensibilizzare le aziende alla prevenzione, formare alla sicurezza i dipendenti, assumere essa stessa una approfondita conoscenza dei luoghi di lavoro.

Sj-Giornalismo umbro in lutto per la morte del collega ternano Roberto Mantilacci

E’ morto Roberto Mantilacci

Colpito da un male incurabile che lo ha stroncato in poche settimane, si è spento il collega Roberto Mantilacci. Tra qualche giorno avrebbe festeggiato il suo sessantatreesimo compleanno. Sempre vicino agli organismi della categoria e sempre attento, corretto e cordiale nel rapporto quotidiano con tutti i colleghi, sia quando era impegnato nel suo lavoro all’ufficio stampa della Provincia di Terni, che quando partecipava alle attività sportive tra colleghi, era un valente tennista, o più strettamente professionali dei giornalisti. Il consiglio dell’Ordine si stringe, intendendo così farlo per tutti i colleghi che lo hanno conosciuto, intorno alla famiglia, la moglie Carla e la figlia Claudia, per esprimere il cordoglio di tutti i giornalisti. I funerali si svolgeranno domani, mercoledì, alle 14,30 nella chiesa di San Gabriele, in via Mozzoni 7, a Terni. (OdGumbria)