Ma Menotti avrebbe mai voluto che gli fosse intestato il Teatro Nuovo?

L’EDITORIALE di

Mariolina SAVINO

Il Festival….Menotti non lo avrebbe mai affidato alle mani della politica!

E per cinquantanni lo ha difeso strenuamente usando i mezzi possibili per farlo sostenere, avendo l’appoggio di tanti personaggi illustri che nello scenario italiano si sono alternati, non dimentichiamo Spadolini, Amintore Fanfani e molti altri, ma non ha mai permesso a nessuno di gestire un bene tanto prezioso e unico!

Gancia, Buton, Monini, Caprai,  Berlucchi, Mercedes,  Mobil,  Philip Morris, BpS, Carispo, Fendi, Mastro Raphael e una moltitudine di aziende mondiali europee e italiane oltre che umbre, hanno sostenuto quel FESTIVAL DEI DUE MONDI!

E ora non si venga a dire che il Governo attuale ha tagliato i fondi, quando dalle parole di Bondi al Teatro Romano, lo scorso anno, emergeva entusiasmo positivo così come ha asserito anche Brunetta nella sua visita a Spoleto.

Evidentemente qualcosa è andato storto, e qualcosa comunque non è mai andata nel verso giusto.

L’ ingenuità di credere che il Festival fosse solo questione di soldi, ha tratto in inganno tutti coloro che non hanno voluto capire una cosa elementare, il Festival è stato la famiglia Menotti, un connubbio foriero di prestigio internazionale, di rapporti intessuti negli anni che il tempo ha lacerato per la scomparsa di tanti nobili che a Spoleto, ritrovavano un punto di unione, una condivisione di gusti musicali, una forza dirompente del nuovo che da Spoleto partiva a scheggia nel palcoscenico mondiale, garantendo successo e longevità artistica di tanti sconosciuti, scelti da Maestro con grande abilità creativa.

Qualcuno lo scorso anno mi disse con cattiveria gratuita, Menotti ve lo dovete scordare a Spoleto!

Ne rimasi scioccata da quella dichiarazione così insulsa e fuori dal tempo, tanto offensiva che inascoltabile e che proveniva da persone che di Menotti e di Spoleto nulla sapevano!

Intestare al Compositore  il Teatro Nuovo, è un fatto relativo e quanto mai fuori luogo, è un pannicello caldo che non colma il vuoto della scomparsa dell’uomo, dell’artista, del Duca che ha lasciato una eredità immensa all’umanità e che con volontà, buon senso e cultura può vivere attraverso un Centro Studi Menotti, una piazza Menotti, un evento studiato appositamente per scoprire giovani talenti come sarebbe piaciuto a Lui e come, per tutta la vita, ha fatto Lui!

Ma il Festival, qualsiasi Festival e comunque si chiami non avrà mai più nulla a che vedere con una storia che parla da sola e che non si scrive a seconda di chi comanda, quella storia è ormai nella storia!

Certo, sono lontani i tempi in cui il Times dedicava le sue pagine a Spoleto, oggi nel massimo fulgore della comunicazione, anche la Rai stessa se fa un programma dedicato al Festival, lo fa in differita!

E incombe un altro fantasma sempre più tremendo, una campagna elettorale che finisca di lacerare quei lembi di un così illustre passato!

Chi ora, diciamo un Menotti moderno, spenderebbe la propria vita, le proprie energie, la propria esperienza per ben cinquantanni in una cittadina di provincia, per poi ricevere il benservito che è stato riservato a Gian Carlo Menotti?

Che fare dunque?

Far placare gli animi, ascoltare la coscienza popolare e prendere finalmente atto che c’è tanto materiale e tante idee lasciate dal Maestro, per ricominciare a camminare in un solco tracciato. Farlo con umiltà, senza isterismi, senza rivendicazioni di sorta, insomma senza puzza sotto il naso e senza “appiccichi”!

Lasciamo alle giovani generazioni che sono la vera anima della città, la possibiltà di poter disporre di un ordito sul quale costruire qualcosa di assolutamente nuovo ed originale, ricordando i suggerimenti del vecchio Maestro e riportando agli onori delle cronache culturali, Spoleto e tutto il territorio con il tempo necessario, senza forzature, senza scopi, ma con un obbiettivo quello di aver compreso la grande lezione di Gian Carlo Menotti: il genio, l’intelligenza, il saper fare non si compra o c’è o non c’è!

Georgia ospite a Spoleto, Festival quale futuro?,F.lli Campisi-Chiambretti, festival italiani

Spoleto
martedì 3 febbraio 2009
MONS. FONTANA: “SONO CERTO CHE L’OSPITALITÀ SPOLETINA VORRÀ DIRE IL PROPRIO PLAUSO AL POPOLO DEL MAR NERO”
Mons. Fontana: “sono certo che l’ospitalità spoletina vorrà dire il proprio plauso al popolo del Mar Nero, offrendo a quei musicisti, che si fanno ambasciatori di un popolo intero, una massiva presenza in teatro, che sogno riempito, dalla
Italia
martedì 3 febbraio 2009
ARRIVANO CONFERME DAI NOSTRI LETTORI, IL FESTIVAL DI SPOLETO NON E’ FRA I FESTIVAL ITALIANI…CHE STA SUCCEDENDO?
CI HANNO SCRITTO IN MOLTI E LE DOMANDE SONO TANTE ALLE QUALI NON SIAMO, E NON VOGLIAMO CERTO ESSERE PREPOSTI A RISPONDERE.

CIRCOLANO VOCI PREOCCUPATE MA NESSUNO SI SBILANCIA.

IN QUESTI GIORNI ABBIAMO …

Foligno
martedì 3 febbraio 2009
FRATELLI PIERO E NATALE CAMPISI

Produttori, organizzatori di eventi non solo nazionali ma anche internazionali e personaggi comici, Piero e Natale Campisi, da ben 4 anni fanno parte del cast della grande famiglia di Piero Chiambretti.
Il primo fratello ad avere a
Spoleto
lunedì 2 febbraio 2009
FORSE NON ABBIAMO GUARDATO BENE MA SUL SITO DEL MIBAC SEZIONE FESTIVAL QUELLO DI SPOLETO NON C’È! C’È SPOLETO ESTATE!?!?!
E da giorni che cerchiamo di capire quali saranno i prossimi Festival Nazionali…Ci potremmo essere sbagliati, allora chiediamo a voi cari lettori di aiutarci a Capire.
Il Festival nuovo corso non era stato riconosciuto come