CASTEL RITALDI JOURNAL- Castel Ritaldi: Iniziativa sullo Stalking

Castel Ritaldi: Iniziativa sullo Stalking – domenica 15 marzo 2009

Castel Ritaldi, 14/03/2009

Domenica 15 marzo , alle ore 16 , presso la biblioteca “ C. Spaziani “ di Via Scigliano , in occasione delle iniziative per la festa della donna , l’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Castel Ritaldi , Aura Di Tommaso , presenterà il libro di Emilio Radice e Federica Angeli “ Rose al veleno , stalking – Storie d’amore e odio “ . L’iniziativa è promossa dal Comune di Castel Ritaldi , in collaborazione con la Cooperativa Il Cerchio , l’associazione Mappamondo , il Centro Servizi Teca e la libreria Mondadori di Spoleto e con il patrocinio del Centro Pari Opportunità della Regione Umbria . Mentre l’Italia introduce il reato di stalking esce questo libro scritto dai giornalisti de La Repubblica Federica Angeli ed Emilio Radice che raccoglie storie, tutte assolutamente vere e narrate dai protagonisti, di chi “per avere accettato un fiore, uno scambio di sorrisi, una gentilezza, talvolta un po’ d’affetto, si è trovato poi trascinato in un incubo, ostaggio di un predatore chiamato stalker”. Secondo l’Istat sono oltre 7 milioni , in Italia , le vittime di violenza fisica e/o psichica, soprattutto donne, e poco meno della metà, 2 milioni e 777 mila,ha dovuto sopportare un’azione di stalking.
Il termine inglese (”to stalk” si traduce con “perseguitare”) porta con sé un insieme di comportamenti ossessivi, inizialmente gentili e via via maniacali, finalizzati al sequestro psicologico di una vittima, che non sempre conosce il suo molestatore, ma il più delle volte è un collega, un conoscente o un ex partner . I toccanti racconti sono scritti dai diretti interessati in prima persona: vittime di stalking, parenti delle vittime, stalker e poliziotti che si sono sentiti impotenti per la carenza normativa italiana .

Alla scoperta dell’Umbria Agroalimentare

Alla scoperta dell’Umbria Agroalimentare Workshop ed Educational Tour per operatori (settore agroalimentare) e giornalisti esteri (settori food e turistico) in Umbria

Umbria, 14/03/2009

62 aziende umbre avranno l’opportunità di incontrare. 26 operatori e 16 giornalisti esteri provenienti da 17 Paesi.
15 marzo (Orvieto), 16 marzo (Torgiano), 17 marzo (Trevi), 18 marzo (Norcia).

L’obiettivo è quello di offrire alle aziende umbre del settore agroalimentare delle concrete opportunità commerciali in 17 mercati esteri, quelli che hanno fatto registrare una crescente domanda di prodotti agroalimentari italiani. Ed inoltre, presentare a qualificati giornalisti stranieri il territorio regionale e le sue prelibatezze enogastronomiche e turistiche.
Pertanto, la Regione Umbria e l’Istituto Nazionale per il commercio Estero (ICE), nell’ambito del programma di promozione congiunto e in collaborazione con il Coordinamento regionale delle Strade dei Vini e dell’Olio dell’Umbria, organizzano il 15, 16, 17 e 18 marzo una missione di operatori e giornalisti esteri in Umbria.
L’iniziativa dei workshop e degli educational tour è finanziata nell’ambito degli Accordi di Programma Regione Umbria-ICE e Ministero dello Sviluppo Economico che ha previsto, per il 2008/2009, oltre 40 iniziative promozionali finalizzate a supportare l’internazionalizzazione delle imprese umbre.
Le 62 aziende umbre che si sono iscritte (vitivinicole, olivicole e prodotti tipici) e che parteciperanno a questa iniziativa avranno l’opportunità di incontrare 26 operatori esteri provenienti da 17 paesi tra cui: Brasile, Norvegia, Belgio, Olanda, Polonia, Croazia, Lettonia, Lituania, Rep. Ceca, Rep. Slovacca, Bulgaria, Serbia, Russia, Ungheria.
Per gli operatori del settore verranno organizzate delle specifiche attività (Workshop) dedicate al Vino, all’Olio Dop Umbria e ai Prodotti Tipici (prosciutto IGP, lenticchie IGP, formaggio, tartufo, legumi, ecc…).
Per le aziende umbre saranno tre gli appuntamenti in cui potranno presentare le proprie produzioni agli operatori esteri partecipanti alla missione: Workshop dedicato al VINO (Torgiano, 16 marzo); Workshop dedicato all’OLIO DOP UMBRIA (Trevi, 17 marzo); Workshop dedicato ai PRODOTTI TIPICI (Norcia, 18 marzo).
La missione in Umbria di questi operatori sarà accompagnata da una delegazione di giornalisti (16 in totale) di qualificate testate dei rispettivi Paesi, che avranno modo di approfondire la conoscenza del nostro territorio e delle sue eccellenze turistiche ed enogastronomiche.
Sarà cura della Strada dell’Olio Dop Umbria e delle quattro Strade dei Vini umbre (Strada dei Vini del Cantico, Strada del Sagrantino, Strada dei Vini Etrusco Romana, Strada dei Vini Colli del Trasimeno) organizzare degli educational tour nei caratteristici percorsi che rappresentano il meglio delle produzioni regionali.
Per rappresentare appieno l’unicità dell’intero territorio di recente si sono incontrate ed “intrecciate” tra loro la Strada dell’Olio Extravergine d’Oliva Dop Umbria con quelle del Vino, denominate, secondo le zone di produzione, Strada del Cantico, Etrusco Romana, del Sagrantino e dei Colli del Trasimeno. Un percorso, questo, guidato dal Coordinamento regionale delle Strade e condiviso dalla Regione Umbria interessata, con gli altri enti territoriali, a creare una serie di importantissimi strumenti di promozione integrata del territorio.
Con questo importante progetto dei workshop e degli educational tour, pertanto, il Coordinamento delle Strade passa all’azione e si mette al servizio della promozione e dello sviluppo del territorio subito dopo la sua prima uscita pubblica tenuta di recente durante la Borsa Internazionale del Turismo di Milano.

PROGRAMMA
Per quattro giorni operatori e giornalisti esteri potranno andare alla scoperta dell’Umbria agroalimentare. Un settore, quello agroalimentare, che grazie alla messa a sistema delle sue varie componenti e realtà più attive del territorio umbro può avere ancora maggiori ricadute su tutta l’economia regionale.

15 marzo 2009
– La mattina del 15 marzo, alle 9.00 a Torgiano (Relais Borgo Brufa), ci sarà il saluto istituzionale da parte degli enti organizzatori ai delegati esteri (operatori e giornalisti) del settore intervenuti. Ad illustrare le finalità dell’iniziativa e il programma di attività dei quattro giorni di permanenza saranno l’assessore all’Agricoltura della Regione Umbria Carlo Liviantoni; il direttore dell’ICE Massimiliano Tremiterra; Avelio Burini, presidente della Strada dei Vini del Cantico e coordinatore delle Strade dei Vini e dell’Olio dell’Umbria; Giuliano Nalli, presidente della Strada dell’Olio Dop Umbria; Mauro Colonna, presidente Strada del Sagrantino; Palmiero Bruscia, presidente Strada dei Vini Colli del Trasimeno; Fabrizio Bellini, presidente Strada dei Vini Etrusco Romana.
– La giornata proseguirà, a cura della Strada dei Vini Etrusco Romana, con un programma di visite culturali, turistiche ed enogastronomiche sul territorio orvietano attraverso tre itinerari previsti per tre gruppi di operatori e giornalisti.
Ad Amelia: visita della Porta Romana, del Museo Archeologico, del Chiostro Boccarini, del Palazzo Petrignani con Loggia del Banditore e Cisterne Romane, di Palazzo Venturelli, della cantina di fine ottocento ancora completa di tutti gli strumenti necessari per la vinificazione e che poggia su un antico mosaico di villa romana.
Ad Orvieto: visita al Pozzo di San Patrizio, alla città sotterranea, al Duomo e all’Enoteca Regionale/Palazzo del Gusto, dove si potrà avere una panoramica della produzione vinicola regionale e congedarsi con il Bicchiere della Staffa (antica tradizione del luogo).
A Terni: visita alla Cascata delle Marmore.
A Narni: visita alla Cattedrale, Piazza dei Priori, Museo Eroli, Narni sotteranea e Ponte Romano di Augusto sull’antica via Flaminia.

16 marzo 2009
– Workshop dedicato al VINO
Al Castello di Rosciano, presso Torgiano, gli importatori esteri incontreranno le aziende umbre vitivinicole partecipanti al workshop organizzato dalla Strada dei Vini del Cantico. I giornalisti, sempre in mattinata, visiteranno il territorio di Torgiano (Museo del Vino) e la città di Perugia.
– Nel pomeriggio si svolgeranno educational tour divisi in tre itinerari per tre gruppi di operatori e giornalisti con visite culturali, turistiche ed enogastronomiche lungo la Strada dei Vini del Cantico, la Strada del Sagrantino e la Strada dei Vini Colli del Trasimeno.
Strada dei Vini del Cantico: a Collemancio visita agli Scavi archeologici di “Hurvim Hortense”, a Spello visita ai mosaici romani di Sant’Anna, alla Pinacoteca Comunale e alla Cappella Baglioni (Chiesa Santa Maria Maggiore).
Strada del Sagrantino: a Bevagna visita del circuito Culturale dei mestieri medievali (Cartiera, Setificio, Cereria e Dipintore) con esperti artigiani in costumi d’epoca che attraverso tecniche e strumenti medievali, sveleranno con dimostrazioni pratiche i segreti della loro produzione; al Centro Acquarossa di Gualdo Cattaneo visita guidata al Museo del Trattore Agricolo (bellissima e curiosa collezione di trattori i cui pezzi più antichi risalgono addirittura ai primi decenni del secolo appena trascorso); in serata arrivo a Montefalco.
Strada dei Vini Colli del Trasimeno: a Magione visita guidata al Castello dei Cavalieri di Malta, a San Feliciano visita guidata al Museo della Pesca, a Città della Pieve visita all’affresco del Perugino presso l’Oratorio S. Maria dei Bianchi e alla cantina d’invecchiamento Duca della Corgna con una breve introduzione alle tecniche di vinificazione ed invecchiamento.

17 marzo 2009
– Workshop dedicato all’OLIO DOP UMBRIA
Nella seicentesca Villa Fabri di Trevi, città capitale dell’olio e comune capofila della Strada dell’Olio regionale, gli importatori esteri incontreranno le aziende umbre olivicole partecipanti al workshop organizzato dalla Strada dell’Olio Dop Umbria in collaborazione con il Comune di Trevi. I giornalisti, sempre in mattinata, visiteranno il Teatro Clitunno, il Museo della Civiltà dell’Ulivo, la Pinacoteca, Palazzo Argenti Ceccucci e la Corte di Palazzo Petroni.
– Nel pomeriggio si svolgeranno educational tour divisi in tre itinerari per tre gruppi di operatori e giornalisti con visite culturali, turistiche e gastronomiche lungo la Strada dell’Olio Dop Umbria.
Colli del Trasimeno: all’Isola Polvere visita del parco naturale e dell’oliveto durate la Potatura, passeggiata lungo il perimetro del lago e tramonto sul lago; a Passignano sul Trasimeno visita all’Azienda Orsini (allevamento di maialini di cinta senese).
Colli Martani e Colli Orvietani: a Giano dell’Umbria visita all’Abbazia di S. Felice e all’ulivo millenario, a Montecastello di Vibio visita al Teatro della Concordia (Teatro più piccolo del mondo).
Colli Assisi Spoleto: a Campello sul Clitunno visita al Castello di Pissignano, a Foligno visita a Palazzo Trinci, a Spello passeggiata per la città.

18 marzo 2009
– Workshop dedicato ai PRODOTTI TIPICI
Presso Palazzo Seneca gli importatori esteri incontreranno le aziende umbre partecipanti al workshop organizzato dalla Strada dell’Olio Dop Umbria.
– Nel corso della giornata i delegati saranno accompagnati per una visita della città. Dalla Porta Romana si percorrerà la cittadina fino ad arrivare in Piazza S. Benedetto con illustrazione della Cripta della Basilica di S. Benedetto. Nel Palazzo Comunale di Norcia, sarà presentata agli operatori e giornalisti esteri l’arte “norcina” e le tradizioni di questo territorio a cura di Fulvio Porena (Cedrav). Nel corso della presentazione saranno proiettate immagini del territorio e saranno presentati i marchi di tutela del territorio (IGP). Seguiranno poi le visite a due piccole aziende artigianali che adottano il ciclo produttivo di filiera corta, una legata al formaggio ed una legata alla norcineria, e la scuola di cucina presso “Casa Bianconi”, con relativa degustazione. Infine, ci saranno anche visite guidate all’Abbazia di S. EutIzio ed annesso museo di chirurgia e a Scheggino presso l’azienda Urbani Tartufi.

EXPO CASA VI ASPETTA DOMANI A BASTIA UMBRA

Ultimo giorno per visitare EXPO CASA

Bastia Umbra, 14/03/2009

Ancora una giornata intera di apertura per la mostra nazionale dell’edilizia e arredamento per la casa. Domenica porte aperte con orario continuato dalle 10 alle 21 all’Umbriafiere di Bastia.

Ancora la giornata di oggi (domenica 15 marzo) per visitare la mostra nazionale dell’edilizia e arredamento per la casa.
I quattro padiglioni, con oltre 450 stand in 20.000 metri quadrati di superficie espositiva, di cui 16 mila al coperto e i restanti allestiti nelle aree esterne, restano aperti al pubblico per l’intera giornata dalle ore 10 alle 21. Le 300 aziende, provenienti da tutta Italia, in fiera con migliaia di soluzioni e proposte, all’insegna della tecnologia, dell’innovazione, del design e della funzionalità, pensate per ogni genere di abitazione, offrono un’ampia gamma di scelte tra importanti marchi e produzioni artigianali. Il percorso fieristico, suddiviso in tre sezioni: arredamento, componentistica ed edilizia tende a facilitare la ricerca di risposte alle esigenze del visitatore. Che siano costruire, arredare o ristrutturare, dalle agenzie immobiliari, agli oggetti d’antichità, comprendendo tutti i tipi di arredamenti sia esterni, che interni e arredo bagno, poi caminetti e stufe, complementi d’arredo, soluzioni di condizionamento, riscaldamento e illuminazione bioecologiche, inoltre infissi, materiali per l’edilizia, parquets e pavimenti; ancora piscine, vasche idromassaggio, sistemi di sicurezza e una sezione dedicata ai tessuti, rivestimenti e tappeti.
La novità di questa XXVII edizione di Expo Casa si trova nel padiglione 10, dove è stato allestito un open space promosso dall’associazione perugina Federmobili che vede nove imprese del comparto arredamento e complementi d’arredo della provincia di Perugia esporre i propri prodotti in unico grande stand di 500 metriquadrati. Si chiamano “Gruppo Qualità Garantita” e l’iniziativa che le vede insieme è conseguente all’ l’adesione al marchio di qualità e alla sinergica partecipazione al progetto chiamato “Arredo Q”, presentato nell’ambito del bando regionale “Res.ta.” sulle reti di impresa; un marchio di qualità realizzato con lo scopo di impegnare gli operatori aderenti ad assicurare al consumatore finale servizi di qualitativamente elevati.
“Expo Casa, pur essendo una manifestazione di respiro nazionale – ha dichiarato Roberto Prosperi, presidente dell’ente organizzatore – ha un occhio di riguardo per le imprese locali e le loro iniziative commerciali, che in questo periodo vanno incoraggiate e sostenute per rilanciare l’economia della nostra regione”.

Il Concorso Regionale per gli Oli Extravergini a Denominazione di Origine Protetta (DOP) “Umbria” ha proclamato i vincitori della X Edizione

Sono l’eccellenza degli oli di oliva umbri.

Mai così numerosi i partecipanti – 25 aziende e 6 piccoli produttori – provenienti da tutte le sottozone a vocazione olearia della Regione Umbria (Colli Assisi-Spoleto, Colli del Trasimeno, Colli Martani, Colli Amerini e Colli Orvietani).
La giornata conclusiva del Concorso si è tenuta ad Assisi (Sala della Conciliazione del Municipio). Sono intervenuti Alviero Moretti, presidente della Camera di Commercio di Perugia e del Comitato organizzatore del Concorso, Bernardina Di Mario Direttore della Casa Circondariale di Perugia “Capanne”, il Sindaco di Assisi Claudio Ricci, i rappresentanti delle Associazioni imprenditoriali del settore agricolo.
Tema della giornata, coordinata da Giuliano Giubilei, giornalista Rai del Tg3, ”L’Olio umbro come valore aggiunto allo sviluppo territoriale”.
Ne hanno parlato Tito Bittoni Presidente del Consorzio di Tutela olio DOP Umbria, Giuliano Nalli, sindaco di Trevi e Presidente delle Strade dell’Olio DOP Umbria, Paolo Morbidoni Vice Presidente Associazione Nazionale Città dell’Olio, Massimiliano Tremiterra Direttore Ufficio ICE Perugia, Giuseppe Natale dell’Associazione Produttori di Olive, Andrea Sammarco Segretario Generale Camera di Commercio di Perugia.
A maggio gli oli del concorso voleranno a New York per partecipare ad una iniziativa promozionale organizzata in collaborazione tra l’Istituto per il Commercio Estero di Perugia e il Centro Estero delle Camere di Commercio dell’Umbria.
E sull’etichetta dei nostri oli, prodotti da olive esclusivamente coltivate e raccolte in Umbria, potrebbe comparire la scritta “L’Olio Tipico Umbro fa bene alla salute”.

Un numero di partecipanti mai così alto per un Concorso che da dieci anni promuove uno dei prodotti d’eccellenza della agricoltura umbra: l’olio extravergine di oliva. Venticinque le aziende e sei i Piccoli Produttori (commercializzazione sotto i 10 ettolitri di olio) che hanno preso parte al concorso in rappresentanza di tutte le cinque sottozone in cui è diviso il territorio regionale Colli del Trasimeno, Colli Assisi-Spoleto, Colli Martani, Colli Orvietani, Colli Amerini.
La giornata conclusiva del Concorso si è tenuta oggi ad Assisi (Sala della Conciliazione, Palazzo Municipale). Protagonisti della giornata i produttori che si sono aggiudicati il concorso e che hanno partecipato ad un confronto sul tema ”Olio umbro come valore aggiunto allo sviluppo territoriale” cui hanno preso parte Tito Bittoni Presidente del Consorzio di Tutela olio DOP Umbria, Giuliano Nalli, sindaco di Trevi e Presidente Strade dell’Olio DOP Umbria, Paolo Morbidoni Vice Presidente Associazione Nazionale Città dell’Olio, Massimiliano Tremiterra Direttore Ufficio ICE Perugia, Giuseppe Natale dell’Associazione Produttori di Olive, Andrea Sammarco Segretario Generale Camera di Commercio di Perugia.
“L’evento odierno rappresenta un’occasione speciale per gli olivicoltori umbri – ha ricordato Alviero Moretti nel suo intervento – cui le istituzioni vogliono attribuire un giusto riconoscimento per il duro lavoro e per l’eccellente livello qualitativo dell’olio che producono, uno dei punti di forza dell’agricoltura umbra e, allo stesso tempo, uno straordinario strumento di promozione turistica territoriale di qualità”.
Grande successo ha ottenuto anche “Orto e Olio”, iniziativa promozionale abbinata al Concorso regionale che ha portato gli oli partecipanti sui tavoli dei migliori ristoranti del circuito “Quality Restaurants”. Significativa la collaborazione attivata da “Orto e Olio” con il “Podere Capanne” della Casa Circondariale di Perugia, che ha fornito ortaggi, verdure e legumi serviti con l’olio extravergine DOP. “Il progetto “Podere Capanne” ha consentito di mettere a coltura i terreni adiacenti la casa circondariale – ha detto il direttore dell’Istituto Bernardina di Mario – con la direzione tecnico-aziendale della Cooperativa Sociale Gulliver, aderente al Consorzio Moltiplica e l’impiego di detenuti ristretti presso l’Istituto di pena perugino”.

Momento culminante della manifestazione la proclamazione e premiazione dei vincitori della decima edizione del Concorso.
Questi i risultati:
SOTTOZONA COLLI DEL TRASIMENO

1° CLASSIFICATO
“Frantoio Oleario BATTA GIOVANNI”
di Perugia
2° CLASSIFICATO
“Frantoio del Trasimeno soc. Cooperativa Agricola”
di Paciano (PG)
3° CLASSIFICATO
“Saiagricola Tenuta di Monte Corona”
di Umbertide (PG)

SOTTOZONA COLLI ASSISI SPOLETO

1° CLASSIFICATO
“Società Agricola MASCIO”
di Trevi (PG)
2° CLASSIFICATO
“Azienda Agraria Viola ”
di S. Eraclio di Foligno (Pg)
3° CLASSIFICATO
“Società Agricola Trevi il Frantoio”
di Torre Matigge – Trevi (Pg)

SOTTOZONA COLLI ORVIETANI

1° CLASSIFICATO
“ CUFROL ”
di Spoleto (PG)
2° CLASSIFICATO
“Azienda Agraria Ranchino Eugenio”
di Orvieto (TR)

SOTTOZONA COLLI MARTANI
1° CLASSIFICATO
Azienda Agraria “Bacci Noemio”
di Gualdo Cattaneo (PG )
2° CLASSIFICATO
“Cantine Giorgio Lungarotti “
di Torgiano (PG)
3° CLASSIFICATO
“Monini spa “
di Spoleto (PG)

SOTTOZONA COLLI AMERINI
1° CLASSIFICATO
“Azienda Agraria “Oliveto di Contessa GELTRUDE”
di Amelia (TR)

VINCITORE Premio Piccolo Produttore
Diemme srl di Perugia

Assegnato anche il Premio QUALITA’ E IMMAGINE 2009 alla migliore confezione e etichetta andato alla “Azienda Agraria Viola ” di S. Eraclio di Foligno.

Il Concorso regionale ha selezionato le aziende che rappresenteranno l’Umbria al PREMIO NAZIONALE ERCOLE OLIVARIO 2009, senz’altro il riconoscimento nazionale più prestigioso e ambito, che per la diciassettesima volta si svolgerà nella nostra regione dal 24 al 28 marzo prossimi. Le aziende selezionate sono: Azienda Agraria Bacci Noemio, Azienda Agraria Oliveto di Contessa Geltrude, Azienda Agraria Viola, CUFROL srl, Frantoio Oleario Batta Giovanni, Società Agricola Mascio.

Il Comitato di Coordinamento aveva inoltre lanciato un concorso riservato agli studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia per il logo del Concorso: ha vinto il primo premio MARIO BARILARI, il secondo Sara Sargentini.

Intanto sono state annunciate due iniziative promozionali di notevole importanza. Nel prossimo mese di maggio, i vincitori del Concorso 2009 voleranno a New York per partecipare ad una iniziativa promozionale organizzata in collaborazione tra l’Istituto per il Commercio Estero di Perugia e il Centro Estero delle Camere di Commercio dell’Umbria.
Inoltre, ai fini della valorizzazione dell’olio a Denominazione di Origine Protetta (DOP) umbro, è stato avviato un progetto per portare alla indicazione sull’etichetta dei nostri oli Dop della citazione “L’olio tipico umbro fa bene alla salute”. Sarebbe questo un ulteriore passo verso il riconoscimento delle straordinarie qualità dell’olio prodotto in Umbria da olive coltivate in Umbria.

Concorso D.O.P. Umbria: all’azienda Viola il premio assoluto ‘Qualità e immagine’

schedadopviola

Foligno, 14/03/2009

L’olivicola Viola conquista anche il 2° premio per la zona Assisi-Spoleto. L’olio D.O.P. Viola parteciperà di diritto al XVII Concorso Nazionale “Ercole Olivario”.

L’Azienda Agraria “Viola” di Foligno ha ricevuto oggi il Premio assoluto ‘Qualità e immagine’ per l’olio extra vergine D.O.P. (Denominazione di Origine Protetta) ‘Umbria’
La premiazione si è svolta questa mattina nella sala della Conciliazione del Comune di Assisi, nell’ambito della manifestazione Premio Regionale Olio Dop Umbria, giunta alla decima edizione. L’evento è stato promosso e organizzato dall’Unione delle Camere di Commercio, Industria , Artigianato e Agricoltura di Perugia e Terni, con il patrocinio della Regione dell’Umbria.
A valutare le qualità organolettiche delle 25 aziende umbre partecipanti al X Concorso, per le sotto zone “Colli Assisi – Spoleto”, “Colli del Trasimeno”, “Colli Amerini”, “Colli Orvietani, “Colli Martani”, è stata una qualificata giuria composta da 16 esperti assaggiatori, coordinata dal capo panel Giulio Scatolini.
Alla cerimonia sono intervenuti, tra gli altri, i sindaci di Assisi, Claudio Ricci, di Trevi, Giuliano Nalli, di Giano dell’Umbria, Paolo Morbidoni e il presidente della Camera di Commercio di Perugia, Alviero Moretti.
L’iniziativa ha visto anche la partecipazione come moderatore del noto giornalista della Rai, Giuliano Giubilei, di origine umbra.
E’ stato lo stesso presidente Alviero Moretti a consegnare il premio assoluto ‘Qualità e immagine’, consistente in un’artistica anfora in ceramica al giovane imprenditore folignate, Marco Viola, che ha anche conquistato il 2° premio del concorso regionale per la zona Colli Assisi – Spoleto.
Il premio ‘Qualità e immagine’ attesta la presenza negli anni di un’azienda umbra che si è particolarmente distinta a livello nazionale ed internazionale, comunicando il valore del territorio mediante la qualità e l’immagine del prodotto oleario.
Il giornalista Giuliano Giubilei si è pubblicamente complimentato con Marco Viola per l’ampio curriculum di premi riportati nel corso degli ultimi dieci anni.
L’Azienda Viola, unica del folignate, potrà ora partecipare di diritto al XVII Concorso Nazionale “Ercole Olivario” 2008, per l’olio extra vergine di oliva di alta qualità, che si svolgerà a Bevagna il prossimo 28 marzo.
Felicitazioni per il buon risultato ottenuto, sono arrivate a Marco Viola anche da parte del sindaco di Foligno, Manlio Marini, che ha sottolineato come “questo riconoscimento è un ulteriore conferma della qualità e dell’eccellenza olivicola del nostro territorio”.

L’agriturismo vede nero. Fatturati in diminuzione nel 2008 e il 2009 non sarà migliore

Cresciuta l’offerta, ma non la domanda. Soggiorni più brevi e utilizzo massiccio del last minute. Occorre maggiore azione di contrasto all’abusivismo diffuso. di Ernesto Vania Il boom dell’agriturismo, più volte evocato, nel 2008 non c’è stato né poteva esserci; non c’è stata la crescita di ospiti da molti annunciata in occasione di ogni festività… C’è stata – secondo Agriturist – la sostanziale conferma del numero di ospiti dell’anno scorso (2,8 milioni), ma hanno fatto vacanze più brevi (4,6 giorni, in media) e soprattutto si sono distribuiti su un maggior numero di aziende (+ 5,4×100 rispetto allo scorso anno). Di conseguenza i pernottamenti sono diminuiti (- 1,1×100) e soprattutto si è abbassata la percentuale di utilizzazione degli alloggi (- 7,4×100) con una diminuzione del fatturato complessivo del settore (-1,2×100) e, più sensibile, del fatturato medio per azienda (-6,2×100). Se poi consideriamo un aumento dei costi di gestione e promozione non inferiore al 5×100, il risultato del 2008 – secondo Agriturist – può considerarsi moderatamente positivo solo tenendo conto che siamo in un momento di crisi generale dell’economia. “Per un settore ancora giovane come l’agriturismo, in costante crescita di offerta, non basta consolidare la domanda, occorre ogni anno incrementarla, altrimenti i redditi delle aziende soffrono”. Vittoria Brancaccio, presidente di Agriturist (Confagricoltura), sintetizza così la tendenza negativa delle vacanze in fattoria maturata negli ultimi anni, complicata dalla recente crisi economica mondiale. “E’ necessario – prosegue il presidente di Agriturist – investire di più sulla promozione soprattutto per intercettare ospiti stranieri, che richiedono soggiorni più lunghi. Un altro fenomeno degli ultimi anni, infatti è quello delle prenotazioni per periodi brevissimi, anche in alta stagione. E’ una tendenza non nuova, ma quest’anno c’è stata un’accelerazione per la necessità di contenere le spese…”. Che succederà nel 2009? La previsione di Agriturist va in direzione di una conferma delle tendenze registrate nel 2008, mitigate da un leggero rallentamento della crescita dell’offerta. I prezzi resteranno generalmente fermi, si diffonderà ulteriormente la pratica delle offerte last-minute, si registrerà una parziale compensazione di questi effetti negativi grazie ad un lieve incremento della spesa su servizi diversi dall’alloggio, come la ristorazione, le passeggiate a cavallo, le attività didattiche. “Chiediamo alle Istituzioni interventi efficaci – prosegue il Direttore Nazionale di Agriturist – sul tema dell’abusivismo. Ovunque, ma soprattutto in campagna dove si nascondono meglio, ci sono migliaia di esercizi ricettivi che operano senza alcuna autorizzazione: non pagano le tasse e possono quindi praticare prezzi minimi, e spesso si autoqualificano agriturismo senza neppure avere una azienda agricola. Per non parlare di quei bed and breakfast che vanno ben oltre i limiti di occasionalità e di piccola ricettività previsti dalla legge, e magari preparano anche i pasti… A livello locale queste attività abusive sono conoscibili, o addirittura conosciute: occorre finalmente che siano fermate o messe in regola”.