Sj- COLLEZIONE “VINO E COLORI” PER CANTINE APERTE 2010

LA COLLEZIONE “VINO E COLORI” PER CANTINE APERTE 2010

…il Veneto Style prende vita attraverso le sfumature dei colori

L’edizione di Cantine Aperte 2010 è alle porte e le cantine socie del Movimento Turismo del Vino Veneto stanno dando libero spazio alla loro creatività per interpretare con originalità la tematica “Vino e Colori” proposta quest’anno. Dopo il successo del leit-motiv dello scorso anno Vignafior, per il 2010 il Veneto Style ha deciso di dare una sferzata di colore all’evento enogastronomico più importante dell’anno.

“Sarà un giorno di festa per tutti!” dice il Presidente del Movimento Turismo del Vino Veneto Hans Onno Stepski Doliwa “L’ampia partecipazione all’evento da parte delle cantine socie del movimento, ci conferma ancora una volta, qualora ce ne fosse bisogno, l’entusiasmo e la professionalità delle nostre aziende”, il Presidente poi ci tiene a precisare che “il 30 maggio 2010 si preannuncia un’occasione e un piacevole momento per tutti gli amanti e curiosi del mondo del vino per conoscere ed apprezzare i prodotti delle terre venete”.

Le cantine venete aprono le porte a turisti e curiosi suggerendo proposte che solleticano il palato, la mente e soprattutto gli occhi! I colori e le cromature dei vini doc si fondono e si arricchiscono con degustazioni di prodotti tipici locali e vengono allietati dalle note di concerti en plein air, visite guidate alle cantine, mostre d’arte, concorsi letterari e premi pittorici.

Questo è solo un accenno a tutte le proposte accattivanti presentate dalle cantine socie. Il veneto style infatti prende corpo proprio attraverso questi suggerimenti e conferma il suo dinamismo con informazioni e notizie sempre aggiornate disponibili sul sito del movimento www.mtvveneto.it e sui social media di ultima generazione quali Facebook e Twitter. Le cantine socie trovano ispirazione in arcobaleni e tavolozze di colori; fragranze e profumi che tingono le proposte di vivacità e allegria. L’estro delle aziende venete, sempre in progress, è online per permettere ai curiosi e gli amanti del vino di scegliere come divertirsi in questo giorno di festa nella magica cornice del paesaggio veneto accompagnati da buon vino e ottima compagnia.

Piavon di Oderzo(TV), aprile 2010

SpoletoClick- Madre Teresa infiamma il cuore degli spettatori siciliani

I giovani dell’Oratorio di Spoleto hanno entusiasmato il pubblico siciliano con il musical su Madre Teresa


La compagnia amatoriale Alegrya, nata all’interno dell’Oratorio delle parrocchie della città di Spoleto, ha portato in scena il musical su Madre Teresa in Sicilia. I ragazzi si sono esibiti in una gremitissima piazza di Acicastello (Catania); lo spettacolo si sarebbe dovuto tenere anche a Barcellona Pozzo di Gotto (Messina), ma un violento nubifragio non lo ha permesso. La compagine spoletina – guidata da padre Franco Buonamano, direttore spirituale, da Cinzia Tinelli, presidente dell’Oratorio, da Filippo Pupella, organizzatore, e Fausto Manasse, regista – ha ben rappresentato il nome di Spoleto. I ragazzi hanno consegnato delle brochure illustrative del territorio al vice presidente della Provincia di Catania, al sindaco di Acicastello, a quello di Barcellona Pozzo di Gotto e ad altre autorità. I gadget sono stati messi a disposizione dal Servizio Turistico Locale, per diretto interessamento del presidente Carlo Calandri; il Comune di Spoleto ha, invece, donato le stampe antiche della città; la Fondazione Cassa di Risparmio di Spoleto ha erogato un contributo all’iniziativa.
Entusiasta la protagonista principale, Daniela Pupella, nei panni di madre Teresa, che a fine spettacolo ha rivelato: “non avevo mai avuto, tra le sante, una figura femminile di riferimento. Madre Teresa invece, con la sua vita attiva e contemplativa insieme, lo è diventata”. Il gruppo Alegrya trova la sua sintesi sul principio dell’accoglienza; è composto da bambini, giovani e adulti; ci sono persone che provengono da parrocchie, scuole e varie località della diocesi di Spoleto. All’interno ci sono storie e interessi diversi, che hanno trovato la loro espressione in quel genere teatrale che è il musical.
Padre Franco Buonamano, nei ringraziamenti al termine dello spettacolo di Acicastello, ha svelato il segreto del gruppo: “ritrovarsi insieme senza alcuna pretesa. Il Signore, dice il francescano, si incontra guardando il fratello vis a vis, piantando, come fece Madre Teresa, il semino dell’amore”.
Il musical su Madre Teresa proposto ad Acicastello è stato molto apprezzato anche dalla stampa locale siciliana. La giornalista catanese Marianna Nicotra ha così scritto del gruppo spoletino: “loro si definiscono non professionisti, ma ragazzi che si impegnano in qualcosa in cui credono veramente, usando anima e cuore, mettendo in gioco tutte le proprie capacità per essere testimoni di pace e di speranza”.

Francesco Carlini (329/6214477) – Ufficio Stampa diocesano