SpoletoJournal- Eventi, Fatti & News giorno per giorno

Spoleto, 13/10/2008

Legambiente Spoleto interviene contro l’abbattimento degli alberi all’interno dello stabilimento militare di Baiano

La battaglia intrapresa dai lavoratori e dalle organizzazioni sindacali è anche la nostra battaglia, quella di tutti i cittadini che rispettano e cercano di salvaguardare l’ambiente.

Tagliare una tale quantità di alberi ( circa 1.000 piante, di cui decine secolari), anche se dettato dalla volontà di ridurre la possibilità di rischio di incendi all’interno dello stabilimento, è una cosa che va attentamente ponderata, vanno messe in campo e valutate tutte le possibili alternative.

Spoleto, 13/10/2008

A Spoleto il convegno nazionale della Sepa

Al Chiostro di San Nicolò – 17 e 18 ottobre 2008 – importante appuntamento per parlare del provvedimento amministrativo.

Si terrà a Spoleto il 17 e 18 ottobre al Chiostro di San Nicolò, il Convegno Nazionale su “Lo Statuto del provvedimento amministrativo”. Organizzato dalla Scuola Eugubina di Pubblica Amministrazione (S.E.P.A.), con il patrocinio del Comune di Spoleto il Convegno è stato accreditato dall’Ordine degli Avvocati di Spoleto ai fini dell’acquisizione dei crediti formativi per gli avvocati (n. 8 crediti formativi per l’intero svolgimento dei lavori).

Spoleto, 13/10/2008

Una mostra sul mondo teatrale di Karol Wojtyła

A Spoleto nella galleria di Via Aurelio Saffi – inaugurazione mercoledì 15 ottobre.

Mercoledì 15 ottobre sarà inaugurata a Spoleto, alla Galleria di Via Aurelio Saffi, ore 12, la mostra “Il mondo teatrale di Karol Wojtyła – Motivi sacri nell’arte popolare polacca” a cura di Marco Querèl. La mostra, dedicata alla figura artistica di Karol Wojtyła, organizzata dal Comune di Spoleto e dall’Istituto Polacco di Roma, rimarrà aperta dal 15 al 26 ottobre.

Annunci

“Candele nel vento” al via la “crociata” contro le “reiette” del mondo di MARCELLO MIGLIOSI

SITI AMICI

Applicata l’Ordinanza

di Renato Locchi,

la prima multa di 450 euro

ad un giovane della Campania


di Marcello Migliosi
PERUGIA – “…sì sono mamma…ho due bambini in Serbia…stanno con mia madre, ma lei non sa che lavoro faccio…sa che sono badante e che così posso dar da vivere ai miei figli…” E’ spaventata “Linda” (il nome è di fantasia) l’abbiamo trovata, infreddolita, lungo via Settevalli nella notte che ha sancito l’avvio della applicazione dell’ordinanza del sindaco di Perugia, Renato Locchi. Multe alle “Lucciole” e ai clienti! Molte di queste povere ragazze, costrette a dimenticarsi di essere esseri umani, a perdere la loro dignità e ad essere sballottate come “candele nel vento”, nemmeno sapevano cosa aveva fatto l’alcalde della città di Perugia. Altre, invece, agguerrite dicono: “No, noi non pagiamo, questo è un altro modo per ‘estorcere’ soldi agli italiani”. Parecchie di queste giovani donne – quasi tutte madri – vorrebbero avere la possibilità di pagare le tase, ma vorrebbero anche un’assistenza sanitaria e la sicurezza di un futuro, quel futuro che la vita – solo perché non sono nate sulla Fifth Avenue – gli ha negato. Le ordinanze dei sindaci “puliranno” le vie da queste reiette del nuovo millennio, nettando le coscienze di chi non sa come, realmente affrontare il problema. “La colpa – dice una giovane brasiliana – è della Chiesa Cattolica…”. Ieri notte le strade erano pressoché deserte, tutti – almeno i clienti che leggono i giornali e guardano i tg – sapevano dell’ordinanza Locchi. Pattuglie? Sì, qualcuna…una di loro ha pizzicato un giovane della Campania che era in compagnia di una ragazza lungo via Trasimeno Ovest…Aveva fatto salire la donna sulla sua auto e gli agenti della municipale l’hanno multato di 450 euro. Ha assicurato agli agenti che pagherà, era pure amareggiato. Ma io voglio immaginarmi per un attimo di essere nel corpo di quella donna che lui stava per comprare, come si sarà sentita? Al di là della legittimità di ordinanze e leggi che verranno, ma alle anime di queste persone chi ci pensa? Don Oreste Benzi è morto e da allora di quella che era la città baluardo contro la lotta allo sfruttamento della prostituzione cosa è rimasto? Quante preghiere insieme e quante lacrime versò Don Oreste quando Papa Karol gli disse, carezzandogli la stesa. “Continua Don Oreste, continua”…Niente, ora più niente. I bastardi che vivono sulle spalle delle “prigioniere” sono ancora là, nell’ombra, nell’oscurità…loro non rischiano mai niente. Chi ci rimette sono sempre loro, anime disperate senza dio e senza bandiera, “sputate” via da una vita cui non avevano chiesto che di essere bimbe, fanciulle, donne e madri…Jorge Amado scriveva: “Le brasiliane? Donne troppo presto e bambine per troppo poco tempo”…Se gli uomini non “vedono” più che almeno Dio guardi cosa accade sulle strade della notte…non c’è più poesia…non c’è più luce…solo solitudine ed amarezza perché i sogni sono ancora sogni e l’avvenire è oramai quasi passato.

CulturaJournal- Le Poesie di Manlio Visintini

Norcia-Trieste, 16/09/2008

“Essere Umbria”

di Manlio Visintini – 2008

Quell’infinito verde
dove si perdon gli occhi
in quell’aria dipinta
e fresca,
quelle acque celesti
e semplici
che bagnano la terra,
e il canto dei boschi
al quieto vespero
..risveglia la preghiera
e un ringraziamento,
…oltre le nubi.
E s’accendono le luci
nelle case sparse
sui lontani declivi,
e temporale viene
d’un tratto,
assieme a polìcromi tuoni…
Umbria,
un altro Pianeta,
sceso sulla Terra.

GOSSIPJOURNAL- IL SI’ IN GRANDE STILE DELLA SAVINO

E’ ARRIVATO IL GRAN GIORNO PER LA PARLAMENTARE

ELVIRA SAVINO CHE QUESTA MATTINA A ROMA

CONVOLA A GIUSTE NOZZE CON IVAN CAMPILI


di Mariolina SAVINO

Abito di Versace, circa 340 invitati e un compare d’eccezione, (come si dice dalle nostre parti riferendosi al testimone di nozze), Silvio Berlusconi.

La bella Elvira, donna intelligente, garbata e al passo con i tempi con il portale FORMICHE.NET, è stata notata dall’opposizione perchè dotata di una bellezza particolare, senza mettere in conto che che l’intelligenza non deve essere appannata dall’aspetto fisico. Per solidrietà femminile diremo dunque intelligente, preparata e bella come del resto ha dimostrato fino ad ora.

Tornando al matrimonio che si svolge nella chiesa di San Lorenzo in Lucina a Roma, sarà proprio il premier Silvio Berlusconi che benedirà le nozze della giovane onorevole pugliese, con prosieguo della festa a Villa Miani dove tutti, amici e parenti potranno finalmente baciare la sposa e il neo marito.

La redazione augura lunghi giorni felici!