Sj- ROSSOBASTARDOLIVE TOUR UMBRO

NARNI
lunedì 31 agosto 2009
IN GRANDE STILE A NARNI IL SALUTO ROSSOBASTARDO PER IL GRAN FINALE E….SI RIPARTE!
fonte: ANTONELLA MANNI, UFFICIO STAMPA

IN GRANDE STILE A NARNI SI CHIUDE LA SECONDA EDIZIONE FRINGE IN UMBRIA DOPO L’ESPERIENZA POSITIVA SPOLETINA

Con Toni Green, Roy Young, Melvia Rodgers e i Soul Spinner
COMUNICATO STAMPA
Gran finale al Rossobastardo live ieri sera, domenica 30 agosto, sul primo palcoscenico libero e alternativo dell’Umbria il cui nome è ispirato dal vino rosso che si produce a Bastardo, piccolo centro umbro tra Spoleto, Todi e Montefalco. Per fare festa, sono saliti insieme alla ribalta del locale “fringe”, tutti gli artisti della Menphis Parade: da Toni Green, cantante dotata di una voce straordinaria ed uno stile particolarissimo, a Roy Young, Melvia Rodgers e i Soul Spinner. Dopo le loro esibizioni per il Narni Black Festival, le star della musica black hanno voluto siglare così, in allegria, la conclusione della manifestazione.
Si chiude in questo modo anche l’entusiasmante l’esperienza di Rossobastardo live 09 in un Caffè del Teatro Comunale di Narni (Tr) stracolmo di pubblico e in sinergia con il Narni Black Festival.
Un percorso innovativo, quello di Rossobastrado live, iniziato quest’anno in Umbria al Festival dei Due Mondi di Spoleto e organizzato in collaborazione con Offucina Eclettic Arts sotto la direzione artistica di Andrea Paciotto.

Il progetto, promosso e sostenuto dalla Cantina Signae Cesarini Sartori, si è proposto di mantenere aperta una finestra sul mondo della creatività contemporanea e ha offerto visibilità a tutti gli artisti e a tutte le discipline artistiche dello spettacolo e delle arti visive contemporanee (teatro, danza, musica, performance, DJ/VJ, video, arti visive e installazioni) con singoli artisti o gruppi arrivati da tutta Europa, coinvolti attraverso un bando di partecipazione.

Rossobastardo live ‘09 è stato quest’anno un punto di riferimento per coloro che desideravano presentare il proprio lavoro nel contesto di importanti manifestazioni artistiche in Umbria. Per promuovere e far conoscere nuove idee, favorire l’incontro e lo scambio culturale ed artistico.

All’interno del Rossobastardo live ‘09 è stata aperta anche una sezione a tema, una sorta di concorso d’idee, che si è proposta di mettere in contatto creativi dell’immagine e della comunicazione con il mondo dell’imprenditoria vitivinicola. Pertanto è stato richiesto agli artisti di inviare idee e proposte per quello che riguarda il design di una ipotetica campagna di comunicazione (etichette, bottiglie, gadgets, slogan, spot e campagne pubblicitarie) del vino Rossobastardo. Le proposte per questa sezione verranno premiate durante la vendemmia che si terrà il prossimo 4 ottobre 2009.

ROSSOBASTARDO LIVE ‘09 è un progetto promosso e sostenuto dalla Cantina Signae Cesarini Sartori, organizzato con la collaborazione di Offucina Eclectic Arts.

ROSSOBASTARDO LIVE ‘09
Offucina Eclectic Arts – Via XVII Settembre – 06049 Spoleto (PG)
Tel. 0743-222601 – Mail: info@rossobastardolive.net.

Ufficio Stampa
Antonella Manni
Cell. 339.5993281
E-mail: aciemme@virgilio.it

torna indietro
Annunci

ATTENZIONE- Pericolo sulla pista ciclabile, SPORGONO TRONCONI DI FERRO

La Posta dei lettori

schedapennagiorn

Montefalco- Trevi – Foligno, 12/11/2008

Pericolo sulla pista ciclabile

Ci viene segnalato che percorrendo la pista ciclabile che và dal ponte che attraversa il fiume Clitunno per raggiungere la loc. Polzella e Montefalco e il ponte all’altezza di Casco dell’Acqua si notano su un lato della pista alcuni spunzoni di ferro (una diecina come nella foto) pericolosissimi per i cicloamatori che percorrono lo stradone. In caso di caduta accidentale dei cicloturisti (numerosi in quel tratto) e rotolando lungo la scarpata, si può finire trafitti da tali spunzoni di ferro di circa 40 cm di lunghezza lasciati incredibilmente al di fuori del terreno, a circa un metro dall’asfalto.
Prima che succeda qualcosa di irreparabile, chi di dovere, dai Comuni interessati, Comunità Montana, Bonificazione Umbra o altri, intervengano per riparare questa anomalia pericolosissima.

Inoltre sempre in quel tratto ci sono mezzi pesanti che svolgono lavori di manutenzione che lasciano al loro passaggio enormi zolle di terriccio e pietre sulla stradina, materiali enormemente insidiosi per chi transita in bicicletta, sui pattini a rotelle o a piedi.

Basta uno scopone e un po’ di buona volontà…per lasciare tutto in ordine!! Diamine!

SJ- E FINALMENTE L’UMBRIA SPOPOLA IN LUNGO E IN LARGO CON I TIPICI D’AUTORE!

UMBRIA
domenica 26 ottobre 2008
L’UMBRIA AL “SALONE DEL GUSTO” DI TORINO: ESALTAZIONE DEI PRODOTTI TIPICI UMBRI
fonte:

I grandi “chef” dell’Umbria al servizio dei prodotti tipici e di presidio “slow food”, per esaltare, attraverso la cucina moderna, i saperi e i sapori della tradizione: nella spaziosa cucina allestita presso lo “stand” dell’Umbria del “Salone del Gusto” (con “Terra Madre” in corso di svolgimento a Torino).

Marco Bistarelli di Città di Castello, presidente dei “Giovani Ristoratori d’Europa” e Maria Luisa Scolastra di Foligno hanno inaugurato la nuova “filosofia” di presentazione dei prodotti tipici della regione: parlare, attraverso il concreto linguaggio della cucina, dell’eccellenza agroalimentare umbra.
Così i due piatti preparati dagli “chef” per una selezionata platea di giornalisti e gastronomi, ospitati nello “stand”, hanno ufficialmente inaugurato il nuovo corso, che proseguirà grazie all’associazione alla quale gli stessi “top chef” umbri hanno dato vita, chiamandola con un nome chiaro nei significati e nelle intenzioni: “Umbria Golosa”.
“È un modo per far conoscere i prodotti grazie alla cucina – dice Marco Bistarelli, che ha preparato un apprezzato piatto di roveja e involtini di quaglia al tartufo, mentre Maria Luisa Scolastra ha offerto piccione in salsa di roveja e patate con “quenelles” di riso alle rape (con il “sedano nero” di Trevi a far da base ad entrambe le preparazioni) -, una strada di cui da tempo abbiamo individuato la giustezza e che ora proseguiremo con continuità”. Dopo Bistarelli e Scolastra, si alterneranno ai fornelli dello “stand” dell’Umbria al “Salone del Gusto” altri top “chef” della neocostituita “Umbria Golosa”, come Gubbiotti, Ialenti, Trippini e Rosati: “special guests” in una cucina, per tutta la durata della manifestazione gestita da Salvatore Denaro di Foligno, che, fra un piatto e l’altro ammannito ai visitatori, ha annunciato la sua prossima partenza per gli Stati Uniti: su invito del “Culinary Institute of America”, il noto cuoco folignate spiegherà a studenti di cucina e cuochi americani, da “visiting professor” e “ambasciatore” dei prodotti umbri in California e a New York, le meraviglie del farro, della fagiolina del Trasimeno e della cicerchia, oltre a quelle della “porchetta”, dell’agnello e del pollo alla umbra. “Un bel riconoscimento alla nostra cucina – sottolinea Salvatore Denaro -, di cui, grazie alla giornalista Sara Harmond Jankins, si è occupata di recente anche una rivista prestigiosa come il ‘Food&Wine Magazine’”.
Nell’ampio padiglione che il “Salone del Gusto” dedica ai presìdi “Slow Food”, l’Umbria è presente con il “sedano nero” di Trevi e con la “roveja” di Cascia: “Per noi è stato un vero e proprio battesimo – dicono Alberto Mattioli, Annibale Bartolomei e Leonardo Fugazza, che offrono un saggio del loro sontuoso sedano, croccante e senza fili, accompagnandolo con formaggio molle e miele -, è un’esperienza davvero eccezionale per far conoscere il nostro prodotto”. “Entusiasmante – commenta l’esperienza di Torino la signora Silvana Crespi di Cascia, al bancone della sua “roveja” – finalmente una manifestazione dove il contadino è protagonista, come dovrebbe essere tutto l’anno, e invece non è”. “È veramente una bella esperienza – dice Maurizio Sparanide della condotta di Perugia di “Slow Food” -, è bella questa vetrina, bello poter condividere il gusto dei nostri prodotti con tanta gente interessata, bella la nostra prospettiva – annuncia – di aprire a Terni e Umbertide, dall’inizio del nuovo anno, mercati ‘slow food’ con cadenza settimanale”. E Giancarlo Picchiarelli, presidente della Comunità montana del Monte Subasio e dell’Associazione Nazionale “Città del Tartufo”, offre nel suo “stand” il pane tipico di Strettura (Spoleto) e la “ruota” di Corciano, sul quale, per il piacere e il gusto dei visitatori, fa piovere scaglie di tartufo bianco (con il burro) e, con l’olio, di tartufo nero.

CLIKKA SULLA FOTO!

Sj- Visitia del Comandante dei grantieri di Sardegna alle istituzioni della città di Spoleto

SPOLETO
sabato 25 ottobre 2008
IL COLONNELLO LORENZO GAJANI BILLI VISITE LE ISTITUZIONI SPOLETINE
fonte: Comunicato stampa Comune Spoleto

Il Nuovo comandante del Primo Reggimento dei Granatieri di Sardegna incontra il sindaco BruniniIl Colonnello Lorenzo Gajani Billi, nuovo Comandante del Primo Reggimento “ Granatieri di Sardegna” di stanza a Spoleto, è stato ricevuto nei giorni scorsi dal Sindaco di Spoleto Massimo Brunini in occasione della visita alle istituzioni cittadine a seguito della nuova nomina e dell’insediamento.

Il Colonnello Lorenzo Gajani Billi è subentrato come Comandante di Reggimento al Colonnello Paolo Raudino, che attualmente ricopre il prestigioso incarico di Capo Ufficio Affari Generali dello Stato Maggiore dell’Esercito.

All’incontro, ha partecipato anche il Capitano Lorenzo Giovannetti, Comandante alla sede
della caserma “Garibaldi” in Spoleto. Il Colonnello Gajani Billi, che è attualmente anche comandante del raggruppamento per l’operazione “Strade sicure” in Roma, operazione che vede impegnati circa 80 Granatieri effettivi alle due Compagnie di stanza a Spoleto, si è detto orgoglioso di assumere questo nuovo incarico in una realtà importante come Spoleto.

clikka sulla foto

TRASIMENOJOURNAL- Sabato 25 ottobre tre visite imperdibili nei castelli a libeccio del lago

Rinascimento sul Trasimeno

Sabato 25 ottobre il TCI  Umbria ha organizzato – grazie alla collaborazione dei Comuni perugini di Paciano e Panicale, gli splendidi castelli che dominano la costa a libeccio del Trasimeno – tre visite imperdibili ad opere del Rinascimento recentemente restaurate.
Ad accompagnare i visitatori il prof. Elvio Lunghi, storico dell’arte dell’Università di Perugia e curatore del catalogo “Rinascimento sul lago”, e il prof. Giovanni Riganelli, storico e saggista del catalogo e della mostra, entrambi profondi conoscitori dell’arte soprattutto locale.
Intenso il programma, pur se breve, in quanto si vuol lasciare aperta ai partecipanti la possibilità di scoprire altre opere dell’uomo e della natura tanto frequenti in questi luoghi. Il ritrovo e primo appuntamento è a Paciano,  in piazza della Repubblica, alle 9.45, per la visita alla vicina Chiesa di San Giuseppe, ove è esposto il gonfalone della Madonna delle Grazie (1470 ca.), olio su tela di Pierantonio di Nicolò da Pozzuolo. Da Paciano ci si recherà – ciascuno con i propri mezzi – alla vicina  Mongiovino per scoprire il miracoloso e straordinario Santuario della Madonna, monumento nazionale a mezzo tra Rinascimento e Manierismo, un’architettura della scuola del Bramante, che ospita dipinti del Pomarancio, del Fiammingo e di altri eccellenti autori. Da qui si raggiungerà Panicale (ritrovo in piazza Umberto I), ove presumibilmente ci si dividerà in due gruppi che si alterneranno nei percorsi: il primo visiterà il castello con le sue tre piazze ed il piccolo teatro Cesare Caporali; il secondo si recherà alla Chiesa di San Sebastiano, dove sono esposti il magnifico affresco del Martirio di San Sebastiano (1505) di Pietro Vannucci, detto il Perugino; l’affresco staccato della Madonna in trono e Angeli Musicanti (fine 1400) attribuito a Raffaello; e l’Adorazione dei Pastori (1519), tavola di Giovan Battista Caporali, qui eccezionalmente ricongiunta alla propria predella, migrata nell’Ottocento a Roma, ove è custodita presso l’Abbazia di San Gregorio al Celio.